See other templatesSee other templates

Un beato martire della nostra terra - p. Tullio Maruzzo (1929-1981)

Il Santorale vicentino si arricchisce di un nuovo volto, il beato Tullio Maruzzo… è bene conoscerlo e farlo conoscere! A.B.

Padre Tullio Maruzzo è nato a Lapio, frazione di Arcugnano e in provincia di Vicenza, il 23 luglio 1929, col nome di Marcello. Ha professato tra i Frati Minori il 15 luglio 1951 insieme al fratello gemello Daniele (diventato fra Lucio): entrambi sono stati ordinati sacerdoti il 21 giugno 1953. Partito missionario per il Guatemala nel 1960, padre Tullio ha iniziato un’opera evangelizzatrice che, per forza di cose, passava per l’istruzione e la cultura, in modo che gli indigeni sapessero difendersi dai latifondisti che s’impossessavano delle loro terre. All’occorrenza, lui stesso interveniva, sempre però con uno stile capace di annunciare, mai di denunciare, come dichiarava chi lo conobbe. La sera del 1° luglio 1981, mentre tornava da una riunione dei Cursillos de Cristiandad nella località di Los Amates, fu assassinato da alcuni guerriglieri assieme al suo catechista, Luis Obdulio Arroyo Navarro. La loro causa è stata voluta dalla Provincia Veneta dei Frati Minori e si è svolta dal 30 gennaio 2006 al 22 luglio 2008 presso il vicariato apostolico di Izabal. Ricevendo il cardinal Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, il 9 ottobre 2017, papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto con cui padre Tullio e il catechista Luis Obdulio sono stati riconosciuti ufficialmente martiri. La loro beatificazione è stata fissata al 27 ottobre 2018 a Morales, presso Izabal. La memoria liturgica è stata fissata per il 1 luglio di ogni anno

Go to top