See other templatesSee other templates

Sei qui: HomeDidatticaDocumentiamoci

L'insegnamento della religione e le politiche educative in Europa

Nei 28 Paesi appartenenti all'Unione Europea, alle prese con fenomeni migratori che hanno portato ad altrettanti Paesi multietnici e multiculturali come è avvenuto in Italia, non c'è un modello di insegnamento, unico per tutti, bensì quattro modi di accreditare scientificamente l'insegnamento della religione a scuola: l'insegnamento basato sulle scienze teologiche e pertanto dichiaratamente confessionale;

Leggi tutto: L'insegnamento della religione e le politiche educative in Europa

XXIII Assemblea Diocesana

Do il benvenuto a tutte/i voi con l’augurio che questa giornata sia serena e fruttuosa, di buone relazioni, di arricchimento culturale e spirituale, di confronto franco e costruttivo. Saluto con vero piacere e ringrazio la prof.ssa Francesca Gottin, docente di Lettere al “Liceo Pigafetta”, un tempo mia collega (molto apprezzata e capace) e il prof. Pierpaolo Frigotto, Dirigente scolastico all’Istituto Comprensivo 2 di Arzignano (di cui abbiamo già colto gli echi positivi del suo operato), i quali ci dedicano un po’ del loro tempo in questa mattinata di Pentecoste e ci portano la loro esperienza.

Leggi tutto: XXIII Assemblea Diocesana

I colori della preghiera

Due mani giunte, gli occhi socchiusi, il semplice gesto di inginocchiarsi; una parola, un silenzio, un grido, una lode, un desiderio di infinito, questo è pregare. Lo sperimentiamo come si vive un atto d’amore o un sussulto di sconforto, non è mai assolutamente nuovo eppure è sempre unico. Tutti conosciamo la risposta di Gesù alla richiesta degli apostoli: “Signore, insegnaci a pregare…” (Lc 11,1). Ogni giorno la preghiera non va semplicemente ripetuta, ma di nuovo appresa alla scuola della vita; è come issare le vele al vento perché la barca della nostra esistenza prenda il largo. Ogni volta che il nostro cuore si apre alla preghiera, ci regaliamo la possibilità di guardare chi siamo e dove andiamo da un punto di vista più ampio e, pur essendo un atto intimo, non è mai esclusivamente privato, ma ci mette in comunione con tanti fratelli e sorelle compagni di viaggio. In questo viaggio le riflessioni di fratel Michael Davide Semeraro, monaco benedettino, vogliono essere una testimonianza di come e di quanto si possa pregare ininterrottamente e in letizia (1Ts 5,17). 

I colori della preghiera

Associazione "DIAKONIA"

L'associazione DIAKONIA O.n.l.u.s. ha ricevuto con gratitudine la Vostra offerta in data 15/12/2012 che, secondo le vostre intenzioni, è stata destinata a sostegno dell'iniziativa "Sostegno di Vicinanza della Diocesi di Vicenza".

 

 

Scarica allegato

Siate santi

L'espressione "Figlio dell'uomo" ricorre in tutto l'AT 108 volte. Si tratta di un ebraismo per indicare l'uomo colto nella sua fragilità carnale. Ma ciò che più stupisce è che questa espressione, con la quale Dio si rivolge al profeta, si ripete ben 94 volte nel solo libro di Ezechiele.

 

Scarica allegato

Gioiosa conversione

Il punto di partenza del messaggio cristiano è il Vangelo, la buona notizia di Dio che ci viene incontro offrendoci il suo amore, la sua misericordia e il suo Spirito, in Gesù Cristo. Dio si è manifestato a noi, si manifesta a noi ancora oggi, nella vita, nella morte e nella risurrezione di Gesù. Come ha vissuto Gesù, il modo in cui è morto e la sua risurrezione, ci rivelano l’interessamento di Dio per noi, ci mostrano che Dio ci ama, rendono presente a ciascuno di noi la Sua salvezza.

Gioiosa conversione

Ti scrivo perchè

Tutto ha inizio da un Dio che ha scelto di nascere e farsi bambino, per sentirsi più vicino agli uomini, non per incutere timore, ma tenerezza. Questo è il miracolo dell’Amore. Cari Simeone e Anna, maestri dell’attesa, avrei voluto trovarmi al vostro posto quando quel giorno, nel tempio di Gerusalemme, avete riconosciuto e accolto il Messia: non era se non un neonato in fasce, accoccolato nelle braccia della mamma, Maria, che si era recata a Gerusalemme, con Giuseppe, per offrirlo, così come stabiliva la legge ebraica. Entrambi, “mossi dallo Spirito”, avete intravisto nel Bambino Gesù la realizzazione delle promesse di Jahve che tutto Israele attendeva.

Ti scrivo perchè

Pagina 6 di 11

Go to top