See other templatesSee other templates

Sei qui: HomeMondo IRCSensiblizzazione

Sensiblizzazione

Sensibilizzazione 2014

locandina2014Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2013 2014 

Cari studenti e genitori, nelle prossime settimane sarete chiamati a esprimervi sulla scelta di avvalersi dell’Insegnamento della religione cattolica (Irc). L’appuntamento si colloca in un tempo di crisi che investe la vita di tutti. Anche la scuola e i contesti educativi, come la famiglia e la comunità ecclesiale, sono immersi nella medesima congiuntura. Noi Vescovi italiani, insieme e sotto la guida di Benedetto XVI, animati dallo Spirito Santo che abita e vivifica ogni tempo, vogliamo ribadire con convinzione che la «speranza non delude» (Rm 5,5). Sono proprio i giovani – ricorda a tutti il Santo Padre – che «con il loro entusiasmo e la loro spinta ideale, possono offrire una nuova speranza al mondo… Essere attenti al mondo giovanile, saperlo ascoltare e valorizzare, non è solamente un’opportunità, ma un dovere primario di tutta la società, per la costruzione di un futuro di giustizia e di pace. Si tratta di comunicare ai giovani l’apprezzamento per il valore positivo della vita, suscitando in essi il desiderio di spenderla al servizio del Bene» (BENEDETTO XVI, Messaggio per la XLV Giornata Mondiale della Pace, 8 dicembre 2011). Noi Vescovi vogliamo anzitutto ascoltare le domande che vi sorgono dal cuore e dalla mente e insieme con voi operare per il bene di tutti. Lo abbiamo fatto nel redigere le nuove indicazioni per l’Irc nella scuola dell’infanzia, del primo e del secondo ciclo, con l’impegno di sostenere una scuola a servizio della persona. Siamo persuasi, infatti, che la scuola sarà se stessa se porterà le nuove generazioni ad appropriarsi consapevolmente e creativamente della propria tradizione. L’Irc, oggi come in passato, aiuterà la scuola nel suo compito formativo e culturale facendo emergere, “negli” e “dagli” alunni, gli interrogativi radicali sulla vita, sul rapporto tra l’uomo e la donna, sulla nascita, sul lavoro, sulla sofferenza, sulla morte, sull’amore, su tutto ciò che è proprio della condizione umana. I giovani domandano di essere felici e chiedono di coltivare sogni autentici. L’Irc a scuola è in grado di accompagnare lo sviluppo di un progetto di vita, ispirato dalle grandi domande di senso e aperto alla ricerca della verità e alla felicità, perché si misura con l’esperienza religiosa nella sua forma cristiana propria della cultura del nostro Paese. Cari genitori, studenti e docenti, ci rivolgiamo a voi consapevoli che l’Irc è un’opportunità preziosa nel cammino formativo, dalla scuola dell’infanzia fino ai differenti percorsi del secondo ciclo e della formazione professionale, perché siamo convinti che si può trarre vera ampiezza e ricchezza culturale ed educativa da una corretta visione del patrimonio cristiano-cattolico e del suo peculiare contributo al cammino dell’umanità. Riteniamo nostro dovere di Pastori ricordare, a tutti coloro che sono impegnati nel mondo della scuola, le parole del Papa per questo Anno della fede: «Ciò di cui il mondo oggi ha particolarmente bisogno è la testimonianza credibile di quanti, illuminati nella mente e nel cuore dalla Parola del Signore, sono capaci di aprire il cuore e la mente di tanti al desiderio di Dio e della vita vera, quella che non ha fine» (BENEDETTO XVI, Porta fidei, n. 15).

Roma, 26 novembre 2012

Scarica materiale

 

Sensibilizzazione 2015

manifestookMessaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2015 

Cari studenti e cari genitori, in occasione dell’iscrizione al prossimo anno scolastico, sarete invitati anche a scegliere se avvalervi o non avvalervi dell’insegnamento della religione cattolica. Anche se ormai questa procedura è divenuta abituale, vogliamo invitarvi a riflettere sull’importanza di questa decisione che consente di mantenere o di escludere una parte significativa del curricolo di studio. Dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che questa scelta non è una dichiarazione di appartenenza religiosa, né pretende di condizionare la coscienza di qualcuno, ma esprime solo la richiesta alla scuola di voler essere istruiti anche sui contenuti della religione cattolica che costituisce una chiave di lettura fondamentale della realtà in cui noi tutti oggi viviamo...... []

Roma, 26 novembre 2014

Scarica materiale

 

Sensibilizzazione 2018

locandina2018Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2018/19

Cari studenti e cari genitori, nelle prossime settimane si svolgeranno le iscrizioni on-line al primo anno dei percorsi scolastici che avete scelto. Insieme alla scelta della scuola e dell’indirizzo di studio, sarete chiamati ad effettuare anche la scelta di avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica. È proprio su quest’ultima decisione che richiamiamo la vostra attenzione, perché si tratta di un’occasione formativa importante che vi viene offerta per arricchire la vostra esperienza di crescita e per conoscere le radici cristiane della nostra cultura e della nostra società.

Scarica messaggio CEI

Religione a scuola...per vedere oltre

Cari/e Amici/che IdR, con queste NEWS lanciamo l’annuale campagna di sensibilizzazione sull’IRC per il nostro territorio, le comunità parrocchiali e i nostri Istituti scolastici. È molto originale e interessante lo slogan, scelto da alcuni di Voi, per quest’anno: “Religione a scuola… per vedere oltre”. Credo che lo potrete utilizzare e discutere anche in classe con la visione del breve video “Sentieri di luci: per andare ‘oltre’”, che troverete nel nostro sito web. I materiali sono sta' pensa' e prepara' da diversi Colleghi, segno di grande disponibilità, creatività e… senso di partecipazione familiare: a ciascuna/o di loro va la gratitudine di tutti noi. Il bustone-parrocchia va consegnato personalmente da ciascuno di Voi al vostro o ai vostri pastori, entro l’8 dicembre p.v. e tutti sentitevi coinvolti, impegnati nella distribuzione, soprattutto i nuovi IdR. Potrebbe essere una buona occasione per presentarvi al vostro parroco o ai sacerdoti delle parrocchie dove svolgete il vostro servizio scolastico e parlare dell’IRC. Bussate alle porte delle canoniche e certamente troverete una buona accoglienza! Se - nelle settimane precedenti l’iscrizione scolastica - vi si chiederà un contributo o una presenza per informare sull’IRC ragazzi-adolescenti-genitori, non tiratevi indietro. Leggete queste poche pagine, che contengono una parte dei materiali del bustone-parrocchia… potete scaricare il tutto dal nostro sito web, che ha superato i 4 milioni di accessi (un grazie al carissimo Antonio Montepaone!). Lo si potrebbe inserire, almeno il pieghevole multilingue, nel sito web del proprio Istituto (se Dirigente e Segreteria lo concedono), come è successo in passato. La giornata diocesana di sensibilizzazione sull’IRC, stabilita dal Vescovo, è fissata per domenica 7 gennaio 2018, ma se per vari motivi una parrocchia non può farlo in quella circostanza, è libera di individuare un’altra domenica di gennaio. Lavoriamo tutti assieme per continuare a creare un clima favorevole all’IRC nelle nostre scuole, nelle parrocchie e nelle famiglie. Anche le altre diocesi del Veneto, in forme simili, curano e promuovono la sensibilizzazione sull’IRC nei mesi dell’iscrizione scolastica, che avviene oggi on-line. Vi saluto fraternamente con due pensieri del Priore di Barbiana, don Lorenzo Milani a 50 anni dalla morte (1923-1967): 

  • “La parola è la chiave fatata che apre ogni porta”;
  • “Il sapere è nobile sempre quando è conoscenza del creato di Dio”.

Scarica materiale

Sensibilizzazione 2016

locandina2016Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2016/17

Cari studenti e cari genitori, in queste settimane si stanno svolgendo le iscrizioni on-line al primo anno dei percorsi scolastici che avete scelto. Insieme alla scelta della scuola e dell’indirizzo di studio, dovrà essere effettuata anche la scelta se avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica. È proprio su quest’ultima decisione che richiamiamo la vostra attenzione, perché si tratta di un’occasione formativa importante che vi viene offerta per conoscere le radici cristiane della nostra cultura. Sono ormai trascorsi trent’anni da quando il nuovo insegnamento della religione cattolica, ridefinito istituzionalmente dall’Accordo di revisione del Concordato nel 1984, è entrato nelle scuole italiane confermandosi nel tempo come una presenza significativa, condivisa dalla stragrande maggioranza di famiglie e studenti. In questi ultimi anni, questa disciplina scolastica ha continuato a rispondere in maniera adeguata e apprezzata ai grandi cambiamenti culturali e sociali che coinvolgono tutti i territori del nostro bel Paese. Anche quest’anno, perciò, desideriamo invitarvi a rivolgervi con fiducia a questa importante opportunità educativa che vi viene proposta. I contenuti dell’insegnamento sono stati recentemente aggiornati con specifiche Indicazioni didattiche che cercano di rispondere efficacemente alle domande degli alunni di ogni età, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado. La domanda religiosa è un’insopprimibile esigenza della persona umana e l’insegnamento della religione cattolica intende aiutare a impostare nel modo migliore tali domande, nel rispetto più assoluto della libertà di coscienza di ciascuno, che rimane il principale valore da tutelare e promuovere. Migliaia di insegnanti di religione cattolica ogni giorno lavorano con passione e generosità nelle scuole italiane, sia statali che paritarie, sostenuti da un lato dal rigore degli studi compiuti e dall’altro dalla stima dei colleghi e delle famiglie che ad essi affidano i loro figli. In un contesto scolastico in continua evoluzione, l’insegnamento della religione cattolica può essere un modo eccellente per completare la propria formazione personale e trovare un autorevole punto di riferimento sulle più delicate questioni di senso, sui problemi del mondo in cui viviamo, sull’interpretazione della realtà religiosa sempre più segnata dal pluralismo e dalla necessità di un confronto aperto, continuo e consapevole delle rispettive posizioni e tradizioni. Per tutti questi motivi, desideriamo rinnovare l’invito ad avvalervi dell’insegnamento della religione cattolica, sicuri che durante queste lezioni potrete trovare docenti e compagni di classe che vi sapranno accompagnare lungo un percorso di crescita umana e culturale molto importante anche per il resto della vostra vita.

Roma, 25 gennaio 2016 LA PRESIDENZA DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Scarica materiale

 

Sensibilizzazione 2019

locandina2018Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2019

Cari studenti e cari genitori, si avvicina la scadenza per le iscrizioni al prossimo anno scolastico 2019-20, occasione nella quale sarete chiamati anche a scegliere se avvalervi o meno dell’insegnamento della religione cattolica (IRC). Frutto della revisione del Concordato del 1984, questo insegnamento si è ormai consolidato come apprezzata componente del curricolo scolastico ed è scelto da una maggioranza ancora cospicua di studenti e famiglie, che vi trovano risposta soprattutto in termini di formazione personale, di proposta educativa e di approfondimento culturale.

Scarica messaggio CEI

PIACE ANCORA L’IRC? “Campagna” di sensibilizzazione IRC 2018/2019

Carissime/i, torna l’annuale “campagna” di sensibilizzazione sull’IRC nei mesi precedenti l’iscrizione scolastica e la scelta dell’IRC, che si chiuderanno a fine gennaio 2019 (cf. CM n° 18902 del 7 novembre 2018). Un gruppo di Colleghi ha curato, con originalità e creatività, il materiale vario, accompagnato dalla lettera del nostro Vescovo, che troverà posto nel bustone-parrocchia da recapitare nelle nostre comunità (e una parte delle schede viene riportata in queste NEWS). Tutte/i sentiamoci coinvolti e diamo il nostro apporto nei tempi indicati, a cominciare dai nuovi IdR! La giornata diocesana di sensibilizzazione sull’IRC è fissata per domenica 13 gennaio 2019. Lo slogan per la campagna 2018/19 è il seguente: “Religione a scuola… mi piace!”. Questa poi è l’occasione proprizia - come sono solito dire - per avvicinare, incontrare e parlare con i preti, che vivono e operano nelle nostre comunità, dove risiedete o dove operate come docenti. Non abbiate timore di bussare alla loro porta! Come lo scorso anno, si cercherà di raggiungere tutti gli Istituti scolastici del Vicentino e - tramite “Noi Associazione” e il CSI - anche alcuni luoghi di aggregazione e di incontro. La via da privilegiare rimane sempre l’informazione corretta ed essenziale, rispettosa e ampia, nella speranza che faccia breccia e/o continui a farlo in tante persone, famiglie, ragazzi… a sostegno dell’IRC nella scuola di tutti. Ma, come ripeto spesso, il miglior biglietto da visita per far conoscere, apprezzare, confermare la scelta per l’IRC è la nostra presenza di IdR in classe: capaci di coinvolgere, di buone relazioni, con il sorriso sulle labbra…

Scarica materiale

Sensibilizzazione 2017

locandina2017Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2017/18

n.b.

RELIGIONE A SCUOLA...LIBERA-MENTE

Sono qui raccolti i materiali – e si possono scaricare – predisposti per la sensibilizzazione IRC 2016/17, il cui slogan è stato suggerito da una classe di studenti della SS 1° di Arzignano 1. Il Vescovo ha stabilito di celebrare in tutte le comunità parrocchiali una giornata per informare e sostenere la scelta a favore dell’IRC: domenica 8 gennaio 2017, festa del Battesimo del Signore. È anche questo un modo per sentirci chiesa, condividere l’amore e la passione per la scuola e la formazione delle nuove generazioni che si incrociano nelle aule scolastiche. Il settimanale diocesano sta pubblicando una serie di contributi nella rubrica “Lancette sull’IRC”. Per ulteriori richieste, ci si può rivolgere alla Segreteria dell’Ufficio diocesano per l’IRC.

Scarica materiale

Sensibilizzazione 2020

locandina2020Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nell’anno scolastico 2020

Cari studenti e cari genitori, anche quest’anno entro il 31 gennaio siete chiamati a scegliere se avvalervi o non avvalervi dell’insegnamento della religione cattolica in occasione dell’iscrizione al primo anno dei diversi ordini e gradi di scuola. Le scelte compiute a larghissima maggioranza negli oltre trent’anni anni trascorsi dalla revisione del Concordato mostrano quanto questa disciplina scolastica si ponga come un servizio educativo molto apprezzato e inducono ad un sempre maggior impegno per la sua qualità.

Scarica l'intero messaggio CEI

PERCHE'

Il confronto esplicito con la dimensione religiosa dell’esperienza umana svolge un ruolo insostituibile per la piena formazione della persona. Esso permette, infatti, l’acquisizione e l’uso appropriato di strumenti culturali che, portando al massimo sviluppo il processo di simbolizzazione che la scuola stimola e promuove in tutte le discipline, consente la comunicazio-ne anche su realtà altrimenti indicibili e inconoscibili. Il confronto, poi, con la forma storica della religione cattolica svolge un ruolo fondamentale e costruttivo per la convivenza civile, in quanto permette di cogliere importanti aspetti dell’identità culturale di appartenenza e aiuta le relazioni e i rapporti tra persone di culture e religioni differenti. La religione cattolica è parte costitutiva del patrimonio storico, culturale ed umano della società italiana; per questo, secondo le indicazioni dell’Accordo di revisione del Concordato, la Scuola Italiana si avvale della col-laborazione della Chiesa cattolica per far conoscere i principi del cattolicesimo a tutti gli studenti che vogliono avvalersi di questa opportunità. L’insegnamento della religione cattolica (IRC), mentre offre una prima conoscenza dei dati storici della Rivelazione cristiana, favorisce e accompagna lo sviluppo intellettuale e di tutti gli altri aspetti della persona, me-diante l’approfondimento critico delle questioni di fondo poste dalla vita. Per tale motivo, come espressione della laicità dello stato, l’IRC è of-ferto a tutti in quanto oppor-tunità preziosa per la conoscenza del cristianesimo, come radice di tanta parte della cultura italiana ed europea. Stanti le disposizioni concordata-rie, nel rispetto della libertà di coscienza, a tutti gli studenti è data la possibilità di avvalersi o meno dell’IRC.

Scarica materiale

Sottocategorie

Go to top