See other templatesSee other templates

Sei qui: HomeMondo IRCParola del Vescovo Ai ragazzi agli studenti e ai loro genitori

Ai ragazzi agli studenti e ai loro genitori

Cari amici, è sempre per me motivo di gioia incontrarvi nelle scuole, durante la Visita pastorale che sto compiendo da qualche anno nelle parrocchie della Diocesi. Scopro con piacere istituti scolastici accoglienti nei riguardi di alunni stranieri, desiderosi di operare per un’alleanza educativa con il territorio, impegnati per la crescita e per il bene vostro. Si ripete spesso che la Chiesa insegna con tanti no. Oggi voglio invitarvi a dire sì: un sì all’ora di religione (IRC) a scuola, che siete chiamati a scegliere o a confermare nelle prossime settimane. Perché è bene partecipare all’IRC? Ve lo suggerisco con cinque motivi: · l’IRC tematizza le problematiche religiose e vi aiuta a trovare risposte ai perché della vita; · è una disciplina che vi fa conoscere il Cristianesimo nella tradizione cattolica e propone i valori del Vangelo; · educa le vostre coscienze, sostiene la vostra formazione umana integrale per situarvi criticamente nella società; · aiuta a capire la cultura letteraria, artistica, storica, musicale intrecciata con il pensiero cristiano, perché, come affermava lo scrittore tedesco J.W. Goethe “La lingua materna dell’Europa è il cristianesimo”; · l’IRC favorisce un confronto sereno con le altre religioni in una scuola che sta diventando luogo d’incontro per alunni provenienti da ogni angolo del mondo. Cari studenti, pensateci e non lasciatevi affascinare dai cattivi maestri. E voi, genitori, non rinunciate al vostro primario compito educativo, lasciando soli i ragazzi in questa scelta, ma parlatene in famiglia, dialogate senza abbandonare i nostri valori e principi cristiani. Agli insegnanti di religione rinnovo la mia stima e li incoraggio ad essere nella scuola e con gli alunni una presenza di educatori professionalmente competenti, di cristiani convinti e convincenti. Su tutti e sulle vostre famiglie invoco la benedizione del Signore.

+ Cesare Nosiglia, arcivescovo vescovo di Vicenza Vicenza, 11 novembre 2009 Memoria di S. Martino di Tours 

Go to top