See other templatesSee other templates

Piccole strategie per un grande tesoro

Nel mese scorso il Servizio Nazionale per l’IRC della CEI ha comunicato i dati degli avvalentisi e non dell’anno scolastico 2008/09, curati dall’Osservatorio Socio-Religioso Triveneto. In Italia le scelte per l’IRC raggiungono il 91% della popolazione scolastica, nel Vicentino il 90,1%: l’adesione rimane consistente (in quindici anni la perdita complessiva è stata poco più di 2 punti percentuali). Occorre – come ripeto spesso – non abbassare la guardia con un IRC capace di offrire il suo importante spessore educativo e culturale nella formazione delle giovani generazioni. Questo “Speciale IR” contiene il questionario per l’indagine IRC 2009/10: sono tenuti a compilarlo e mandarlo (anche per posta elettronica) entro il 13 dicembre p.v. solo gli IdR della SS 1° e 2° , mentre per gli altri due ordini di scuola saranno le Segreterie scolastiche a fornirci i dati. Nella scheda di quest’anno c’è un’attenzione particolare per gli alunni stranieri. A tutte/i domando la puntualità nel rinviare la scheda e agli IdR della scuola dell’infanzia e primaria di verificare che le Segreterie adempiano correttamente questa incombenza. Con la Lettera del MIUR Prot. n. 10873 del 26 ottobre 2009, il termine di scadenza per la presentazione delle domande di iscrizione per l’a.s. 2010/11 è fissato il 27 febbraio 2010. Ci sono quindi tre mesi per l’annuale “campagna” di sensibilizzazione a favore dell’IRC. Come negli anni passati, per fine novembre, sarà a disposizione presso il nostro Ufficio il bustone per le parrocchie. Esso contiene le locandine, una scheda informativa sull’IRC, una traccia per la preghiera dei fedeli, la lettera del Vescovo sull’IRC a scuola da diffondere tra i ragazzi e le famiglie… Ogni IdR è chiamato a far pervenire alle parrocchie, dove opera e/o vive, il bustone.

E’ con lo sforzo collaborativo di tutti/e che il lavoro di distribuzione risulterà più facile. In questo “Speciale IR” troverete l’elenco dei coordinatori di zona chiamati a verificare ed eventualmente sollecitare i Colleghi che tutto si compia con regolarità. Per gli alunni stranieri vi sono i dépliants informativi del 2008/09, inseriti o da far inserire nei siti degli Istituti scolastici. Si potranno poi tenere i contatti con l’Ufficio “migrantes” e la caritas diocesana. Lo slogan scelto per quest’anno, carico di molteplici significati per una scuola attenta al territorio, per un patto educativo, per un lavoro di integrazione con gli alunni provenienti da altri Paesi, è il seguente: “Religione a scuola… per costruire insieme il futuro”. Tra gli appuntamenti degli ultimi mesi del 2009 ricordo particolarmente quello del 30 novembre p.v. per gli IdR che operano e vivono in città e nei comuni vicini. Si terrà in serata, presso Casa “Mater Amabilis” (ore 20.30). Tutti gli interessati si sentano personalmente invitati per un confronto sereno finalizzato ad individuare alcune proposte e modalità condivise per favorire e sostenere il nostro servizio di qualità nella scuola. C’è poi il ritiro di Avvento guidato dal nostro Vescovo, fissato per domenica pomeriggio, 20 dicembre p.v. a Villa San Carlo. Attendo tutte/i con i propri familiari.

Desidero infine ringraziare e incoraggiare quanti/e si danno da fare per rilanciare e qualificare il nostro periodico “Speciale IR”, coordinato dalla prof.ssa Giorgia Caleari: è uno strumento valido per offrire informazioni, creare condivisione e potenziare il nostro lavoro didattico. Come avete intuito, quanto ho indicato sono “piccole” strategie da mettere in atto per illuminare e servire il grande “tesoro” dell’educazione, anche tramite l’IRC nella scuola di tutti. Vi consegno un pensiero alto di don Luigi Orione, il Santo di Tortona (Pontecurone 23/06/1872 – Sanremo 12/03/1940): “Abbiate il coraggio del bene e dell’educazione cattolica e italiana ricevuta. Diffondete lo spirito della bontà: perdonate sempre; amate tutti; siate umili, laboriosi, franchi e leali in tutto: di fede, di virtù, di onestà ha estremo bisogno il mondo”.

Don Antonio Bollin Direttore Vicenza, 4 novembre 2009 Memoria di S. Carlo Borromeo 

Go to top