See other templatesSee other templates

Opera Christi....Proficiunt

E’ delicato il momento storico che stiamo vivendo come chiesa. Essa è frequentemente attaccata dai media che cercano ogni pretesto per denigrarla; è contestata perché ritenuta non sempre al passo con i tempi; sembra talvolta sfilacciata nel suo interno, perché percorsa da una pluralità di visioni e letture; si sta riducendo il numero dei cristiani perché in difficoltà a trasmettere la gioia e la originalità del Vangelo alle nuove generazioni. Solo lo spirito di carità di molti cristiani e gruppi ecclesiali – con le cinque parole evangeliche tanto care a Madre Teresa di Calcutta che ne offrono la motivazione più profonda, “lo avete fatto a me” (Mt 25,40) – affascina e trascina ancora l’uomo contemporaneo.

Eppure, attraverso di noi IdR, il nostro stile di vita e il nostro insegnamento scolastico, passa l’immagine di Chiesa nei ragazzi, molti di essi solo tramite noi – ed è una responsabilità! – conoscono e si incontrano con la Chiesa. Ci viene in aiuto e ci dà speranza un pensiero di S. Bonaventura da Bagnoregio (1217-1274): “Opera Christi non deficuint, sed proficiunt”, le opere di Cristo – come la Chiesa – non vanno indietro, non vengono meno, ma vanno avanti, progrediscono (dalla lettera “De tribus quaestionibus”). Il quadro della riforma scolastica Gelmini sembra completato e si radicherà progressivamente con i contenuti e i programmi delle varie discipline. Pure per l’IRC occorre conoscere e sperimentare con gradualità i Traguardi… e gli OA del primo ciclo, mentre si stanno delineando quelli della SS 2°.

E ne l prossimo anno ci dedicheremo più distesamente a questo con il coinvolgimento di tutti/e. E’ in programma per domenica 23 maggio, il nostro appuntamento di fine anno, che in questo “Speciale IR” viene presentato in tutti i dettagli. Sono sicuro che ognuno/a di voi si sente onorato a parteciparvi per sentirsi parte di una grande famiglia e – come si ripete spesso – per “fare squadra”. Si sono conclusi gli incontri zonali con un sufficiente numero di presenze; su di essi – le indicazioni e le proposte raccolte – si rifletterà in Commissione diocesana. Come previsto dalla Nota diocesana sull’aggiornamento IdR (2008), si farà nei primi mesi estivi una verifica di questo biennio circa la frequenza dei singoli IdR alle attività formative e la condivisione delle spese di gestione dell’Ufficio IRC. Troveremo la via più semplice e breve per informare: il nostro sito e/o questi fogli. E’ stata inserita una mini-indagine sulla valorizzazione del dépliant regionale multilingue sull’IRC… si attende la risposta per posta elettronica alla Segreteria dell’Ufficio. Ricordo a tutti/e che entro giugno è necessario: - comunicare in Ufficio la propria e-mail e il numero di cellulare; - verificare se i propri dati (indirizzo, telefono…) sono esatti. Concludo queste riflessioni con un augurio pasquale che rivolto a voi e alle vostre famiglie: “Della grazia del Signore è piena la terra” (Salmo 32) Il Signore sia realmente presente, con la sua luce e la sua gioia, nelle nostre case e nelle scuole in cui insegniamo, perché il nostro vivere e operare possano essere rinnovati dalla potenza della sua Risurrezione.

Buona Pasqua! Don Antonio Bollin Direttore 

Go to top