See other templatesSee other templates

La Speranza del Natale

È ormai prossima la festa del Natale, che ricorda l’incarnazione di Dio e la sua vicinanza alla nostra esistenza – è l’Emmanuele – sostiene la fatica del nostro vivere quotidiana e il nostro impegno educativo nella scuola, suscita ogni anno speranza. La speranza viene, anzi è il Bambino di Betlemme.Lo ribadiva papa Benedetto XVI recentemente: “L’umanità non necessita solo di benefattori, ma anche di persone umili e concrete che, come Gesù, sappiano mettersi al fianco dei fratelli condividendo un po’ della loro fatica. In una parola, l’umanità cerca segni di speranza. La nostra fonte di speranza è nel Signore” (dal discorso alla Caritas Italiana del 24.11.2011).In queste settimane ci fa piacere ricevere e mandare gli auguri natalizi, per portare speranza ed esprimere che siamo accanto a tante persone amiche, conosciute o in difficoltà. Tramite queste pagine il mio augurio raggiunge tutti/e voi IdR e le vostre famiglie; prima di formularlo puntualizzo alcuni aspetti del ricco materiale del nostro “Speciale IR”.

1. LA SENSIBILIZZAZIONE ANNUALE SULL’IRC

È una nostra tradizione più che decennale. Essa ora è nelle vostre mani, domanda la corresponsabilità di ognuno/a di voi, anche dei nuovi IdR, i quali sono invitati ad informarsi sulla nostra linea operativa). Tutto il materiale si può vedere e scaricare dal nostro sito web; qui vengono riportate la lettera del nostro Vescovo Beniamino, la mia ai presbiteri e il logo con il tema ella campagna di informazione. Nell’ultimo “News docenti di religione” indicavo i tempi e i coordinatori di zona. Sempre nel sito sono richiamate le disposizioni vigenti circa la modalità della scelta dell’IRC. Ricordo solo due passaggi strategici.

a) L’INCONTRO CON I PARROCI E LE COMUNITA’

Il materiale da consegnare ai presbiteri vi dà l’opportunità di avvicinarli, di parlare con loro, di dare la disponibilità per qualche iniziativa locale. Organizzatevi per dedicare loro un po’ di tempo sia a quelli in cui vivete, sia a quelli nelle cui zone sono posti gli Istituti in cui lavorate. E tramite i preti si può arrivare alle parrocchie. Ora occorre stabilire un ponte – meglio ancora una alleanza – tra comunità ecclesiale e scuola e voi potete compiere questo servizio. E l’iniziativa lanciata lo scorso anno di promuovere qualche momento di incontro tra catechiste e IdR (primaria e SS 1°) si pone su questa prospettiva. Chi non l’ha ancora realizzato ci faccia un pensiero!

b) LA SCUOLA E LE SEGRETERIE

L’altro posto strategico – si diceva a Zelarino il 24 novembre u.s. in Commissione regionale per l’IRC – rimane la scuola e in particolare gli uffici di Segreteria. Il momento della scelta passa attraverso gli strumenti, la documentazione che la Segreteria nella scuole predispone. Inoltre è sempre il personale di segreteria incaricato di informare e proporre la scelta dell’IRC agli studenti stranieri. Quindi quali sono i suggerimenti? Prima di tutto prendere i contatti con la Segreteria e stabilire un rapporto collaborativo e di fiducia con il personale. Poi dotare la Segreteria di materiale informativo come i dépliants multilingue (scaricabile dal sito per l’IRC)… in accordo con il Dirigente. Ancora fare in modo che nel sito dell’Istituto sia inserito il materiale del nostro Ufficio sulla scelta dell’IRC con i dépliants. Infine, verificare e “tenere sotto controllo” la situazione, soprattutto che tutto si svolga secondo la normativa vigente, specialmente nel primo ciclo, altrimenti i singoli casi vanno segnalati al nostro Ufficio, per iscritto e tramite l’Ufficio si parlerà con l’UST. E tutto questo va fatto di comune accordo tra gli IdR operanti nello stesso Istituto o zona e con serenità.

2. IL QUESTIONARIO AVVALENTISI E NON DELL’IRC

Sono tenuti a compilarlo e inviarlo entro il 31/01/2012 al nostro Ufficio o all’Osservatorio socio-religioso Triveneto solo i docenti di religione della SS 1° e 2°. Sono indicate pure le modalità della compilazione. Raccomando la precisione e la puntualità per non dover – come in passato – inviare messaggi di sollecito a non finire! Per gli altri livelli di scuola la scheda – tramite l’UST – è giunta nelle Segreterie degli Istituti cui è affidato il compito di raccogliere i dati e inviarceli.

3. L’ANNUARIO IdR 2012

Lo “Speciale IR” è arricchito dall’Annuario 2012: uno strumento delicato e insieme prezioso, con molte informazioni; dovrebbe stimolarci e aiutarci a lavorare di più in rete, a creare almeno tra gli IdR della zona maggior conoscenza e collaborazione per arrivare anche a rapporti di amicizia.

4. GLI INCONTRI/LABORATORI ZONALI

Non è stato ancora definito il calendario degli incontri zonali – in forma di laboratorio – per proseguire l’approfondimento e la traduzione in percorsi didattici delle Nuove Indicazioni nazionali per l’IRC in una scuola delle competenze. Si terranno tra gennaio e marzo (dopo Natale tramite News… vi saranno comunicate le date e dei materiali di lavoro), ma raccordo vivamente la partecipazione!Segnatevi da ultimo tre appuntamenti: - l’incontro con il rabbino il 12 gennaio 2012 all’Araceli - l’incontro sull’Islam il 2 marzo 2012 sempre all’Araceli - l’Assemblea di fine anno sul tema del Concilio Vaticano II, a Villa S. Carlo, domenica 20 maggio 2012 a Villa San Carlo in Costabissara.Se non l’hai ancora fatto ritagliati cinque minuti per rispondere all’indagine sulle attività extra scolastiche degli IdR entro il 17 dicembre (cf. News docenti… di novembre!).E veniamo al mio augurio di Buon Natale per ciascuno/a di voi e per le vostre famiglie, al quale si uniscono i Collaboratori dell’Ufficio, specialmente Serenella (che è in “dolce attesa” di una nuova creatura). L’augurio è che dai vostri occhi, dai vostri sorrisi, dalle vostre parole… si possa capire e cogliere la speranza che porta Gesù con la sua nascita. Un augurio particolare che formulo con due pensieri del papa del Concilio Vaticano II, Paolo VI:  “Noi rivendichiamo al Natale di Cristo la ragione e il merito di fare il mondo felice” (dal Messaggio natalizio del 25 dicembre 1967)  “Un umanesimo vero, senza Cristo, non esiste” (dal Messaggio natalizio del 25 dicembre 1969). Ancora Buon Natale e sereno 2012!

Antonio Bollin Direttore Memoria di S. Nicola Vicenza, 6 dicembre 2011 

Go to top