See other templatesSee other templates

La scuola motore di sviluppo del nostro paese

ALCUNI DATI SULLA SCUOLA ITALIANA E GLI INTENTI DEL MINISTRO F. PROFUMO

Leggendo nelle scorse settimane le linee programmatiche del Ministro Francesco Profumo del MIUR (presentate alla VII Commissione Cultura della Camera il 10/01/2012), ho colto innanzitutto il suo desiderio di far ritornare la Scuola uno dei motori di sviluppo del nostro Paese. Tra le priorità strategiche del Governo il Ministro ha indicato: 1) rafforzare le competenze di base dei giovani; 2) valorizzare la professionalità dei docenti; 3) valorizzare l’apprendimento di una pluralità di contesti; 4) far dialogare i sistemi di istruzione, formazione e lavoro per il rilancio delle culture tecnica e scientifica e il sostegno all’occupazione; 5) promuovere e sostenere l’innovazione digitale nella Scuola. Inoltre tra le azioni prioritarie di intervento ha elencato le seguenti: a) rilanciare l’autonomia delle Scuole; b) definire le Indicazioni Nazionali e i Curricula; c) promuovere il merito e l’eccellenza; d) sostenere la scuola paritaria nel sistema pubblico di istruzione semplificando le modalità di finanziamento. Ha ricordato che dal Bilancio del Ministero di circa 53 miliardi di euro, circa 42 miliardi di euro corrispondono alle spese per stipendi. Gli alunni sono 7.826.232, le classi sono 364.904 con un rapporto di alunni/classe pari al 21,5. Gli alunni diversamente abili nella Scuola sono 198.672. il corpo docente è costituito da 774.681 unità (naturalmente il testo completo/integrale si può leggere nel sito del MIUR).

IL NOSTRO PERCORSO CON GLI ULTIMI IMPEGNI

Da quanto ho potuto intuire dall’intervento del Ministro noi ci troviamo sulla buona strada. Nelle prossime settimane – terminati gli incontri zonali – occorrerà fare il punto e la sintesi per progettare le tappe successive. Sarà il compito dell’équipe che generosamente coordina l’iniziativa di conoscenza e applicazione delle Nuove Indicazioni Nazionali per l’IRC. E nel prossimo anno si darà spazio ulteriore alla sperimentazione e alle attività laboratoriali nelle zonali e per livelli di scuola. Vi sono poi due impegni ai quali occorre dare la giusta attenzione con la necessaria partecipazione e/o il contributo personale. Mi risulta che circa 200 IdR hanno risposto al questionario relativo alle attività extrascolastiche. Incoraggio chi si fosse dimenticato di compilarlo entro maggio. Il tutto viene eseguito per via elettronica. Ringrazio i proff. Giampaolo Carlesso e Antonio Montepaone che hanno seguito la proposta i cui risultati verranno presentati al nostro Vescovo in occasione – si spera – dell’avvio del prossimo anno scolastico. Infine, il 20 maggio p.v. a Villa San Carlo è in programma la nostra Assemblea a chiusura di un anno di lavoro. In questo numero viene diffuso l’invito, il programma, la scheda di adesione. Tra l’altro il tema di quest’anno verte sul Concilio Vaticano II, di cui ad ottobre ricorderemo i 50 dall’apertura e per questa ragione papa Benedetto XVI ha annunciato “l’anno della fede”. Quindi sollecito tutte/i a organizzarsi e a partecipare, fermandosi l’intera giornata sia per la tematica di grande attualità che verrà affrontata, sia per consolidare la nostra fraternità. Esprimo viva gratitudine all’équipe, coordinata dal prof. Dino Caliaro che sta operando da mesi per la buona riuscita del nostro appuntamento di fine anno.

QUALCHE INFORMAZIONE E UN AUGURIO PASQUALE

Il prof. Giuseppe Simonetto ha rivisto completamente il breve prontuario giuridico IRC ed ora è messo a disposizione di tutti noi (si può scaricare dal nostro sito web). Lo ringrazio vivamente non solo per questo lavoro utile, ma soprattutto per il tempo che dedica a molti di noi come consulente del nostro Ufficio. In Ufficio non troverete per 6-8 mesi, Serenella, perché in congedo per maternità: a lei va l’augurio di ogni bene con tutta la sua famiglia. Al suo posto c’è Paola Lott, che nelle scorse settimane è stata accanto a Serenella e ha ricevuto le consegne. Paola, a cui formuliamo l’augurio di trovarsi bene tra noi, sarà in Ufficio con il seguente orario: dal lunedì al venerdì ore 8.30-13.00. Si avvicina la festa di Pasqua: ricordiamoci nella preghiera al Signore e scambiamoci fraternamente un augurio pasquale. Quest’anno lo faccio con un pensiero di Lucio Dalla, cantante-cantautore-artista bolognese di una generazione che sembra non lasciare eredi, morto improvvisamente in Svizzera lo scorso 1° marzo. Lucio Dalla – quante sue stupende canzoni ci hanno accompagnati negli ultimi anni – dichiarava in una intervista del 1997: “Sono credente. Credo in tutto ciò in cui si può credere, in Dio come nell’arte, nel mare, nella vita. Credo in Dio perché è il mio Dio. Lo riconosco negli uomini, nei poveri soprattutto, in tutti coloro che hanno bisogno di aiuto. Mi ha sempre colpito la decisione di Cristo di nascere povero. Lui, povero, è il futuro. La fede cristiana è il mio unico punto fermo, è l’unica certezza che ho”. La sua testimonianza credente contagi anche la nostra vita, il nostro servizio a scuola come docenti di religione. E la Pasqua annuale, il ricordo di Cristo morto e risorto, corrobori la nostra fede! Buona Pasqua a ciascuno/a di voi e alle vostre famiglie.

Antonio Bollin Vicenza, 6 marzo 2012 

Go to top