See other templatesSee other templates

Verso una nuova stagione per l'IRC in Italia

L’anno scolastico 2002/3 è ormai concluso, la riforma Moratti è stata approvata a marzo, il contratto nazionale del personale della scuola è giunto al traguardo ad aprile, ma “la scuola nuova” – di cui da tempo si parla – non appare ancora all’orizzonte. La legge sullo stato giuridico dei docenti di religione, attesa da 18 anni, sembra ormai in dirittura di arrivo. L’11 giugno anche il Senato, a larga maggioranza ha dato il via libera al testo legislativo; serve ancora un piccolo passaggio tecnico alla Camera. Per l’estate l’approvazione dovrebbe essere definitiva e questo aprirà una nuova stagione per l’IRC in Italia. ‰ Ai primi di maggio sono stati diffusi i dati circa gli avvalentisi e non dell’IRC nell’anno 2002/3. In Italia sceglie l’ora di religione il 93%, nel Vicentino il 93,4%: si nota un costante e generale apprezzamento per l’IRC . Per quanto riguarda la nostra Diocesi, sottolineo due elementi: - si registra un calo complessivo dello 0,7% rispetto all’anno precedente (94,1%); - un’attenzione maggiore va riservata alla scuola dell’Infanzia (93% rispetto al 94,1% del 2002), alla scuola Elementare e Media Inferiore (con un calo percentuale dello 0,8%). C’è invece una sostanziale tenuta alle Superiori. La crescita dei non avvalentisi – secondo la lettura del sociologo prof. don G.A. Battistella – è dovuta in gran parte alla presenza consistente nelle scuole del vicentino di alunni provenienti da famiglie di immigrati appartenenti ad altre fedi. Bisogna che tutti ci rimbocchiamo le maniche e continuiamo con impegno e costanza, coordinando il lavoro con altri settori della pastorale: Ufficio Migrantes, la Caritas diocesana, la Pastorale giovanile e mantenendo i contatti con la base: le nostre parrocchie. ‰ Sulla nostra 13a Assemblea IdR, centrata sul tema “La bellezza salverà il mondo”, ho colto una corale valutazione positiva. Il ringraziamento sincero va ai colleghi delle zone di Arsiero e Schio. È giunto al termine anche il concorso scolastico provinciale sui beati vicentini G.A. Farina e G. Sterni con le premiazioni in Basilica a Monte Berico il 31 maggio e la mostra in Seminario il 7 giugno (60 gli Istituti coinvolti, un centinaio i lavori pervenuti). Desidero esprimere una lode a quanti hanno partecipato e un vivo grazie alle Congregazioni religiose – soprattutto alle Suore Dorotee- che hanno seguito generosamente l’iniziativa. ‰ Con il periodo estivo, i ritmi di lavoro vengono un po’ rallentati. È il tempo delle nomine (attenzione al calendario della Scuola dell’Infanzia e Primaria), del viaggio culturale che avrà come meta la Romania (21-31 luglio), del colloquio annuale con il Direttore, del meritato riposo. Come Chiesa particolare siamo in attesa del nuovo Pastore, che succederà a Mons. Pietro Nonis. Sollecito tutti alla preghiera fiduciosa. ‰ Concludo augurando a ciascuno di Voi una serena estate e vi lascio con un pensiero dello scrittore Carlo Dossi (1849-1910): “Non si diventa grandi uomini se non si ha il coraggio di ignorare una infinità di cose inutili”.

Un fraterno saluto. DON ANTONIO BOLLIN DIRETTORE

Go to top